icona attivazione di distretti creativi icona servizi di quartiere e sviluppo di comunità

Il FIRE STATION di Dublino

Integrazione sociale e sviluppo creativo in un’ex stazione dei pompieri

Lo spazio e la sua storia

L’ex stazione dei pompieri si trova nel centro della città di Dublino in Buckingham Street, una delle vie più eleganti del quartiere. L'edificio, una delle quattro stazioni di pompieri della città, costruita nei primi anni del 1900, è parte integrante della comunità locale della zona nord-est della città.

Negli ultimi trenta anni, la droga e ai suoi effetti devastanti rappresentavano un problema reale per il quartiere intorno a Buckingham Street. Alcuni progetti, come 'Home', Leo Higgins', hanno cercato di lavorare con la comunità contro lo spaccio e la droga. Il NCCCAP sperava di attivare un centro multi-uso che potesse portare beneficio alla comunità locale, ma all’interno della pubblica amministrazione il progetto non riscosse successo. Gli studi FIRE STATION sono nati quando il NCCCAP (The North Centre City Community Action Project), vedendo che la vecchia stazione dei pompieri in Buckingham Street era vuota, ha deciso di organizzare attività per i giovani del quartiere. Nel 1991, l’Arts Council ha ottenuto un leasing a lungo termine con la finalità di creare spazio per artisti che si occupassero di arte multimediale. Dopo alcuni mesi di negoziato tra l’Arts Council e il NCCCAP, è nato un progetto di collaborazione con lo scopo di utilizzare la stazione sia come centro studi per le arti visive sia come sede della NCCCAP.

Funzioni sociali e attività Il progetto promosso da NCCCAP rappresenta una risposta al degrado del quartiere. Il centro, inizialmente nato come servizio alla comunità, poi evolutosi in centro studi per le arti visive, ha avuto un impatto forte all’interno della comunità locale. Si è posto come ponte tra gli abitanti e i giovani con problemi di droga, ha promosso attività per il quartiere mettendo a disposizione spazi, risorse e competenze. Questo ha generato un meccanismo virtuoso, tanto che oggi il centro è completamente gestito da NCCCAP.

Il FIRE STATION RESOURCE CENTRE opera come un centro di ricerca e di promozione artistica. Gli artisti che vivono e lavorano nel centro hanno la possibilità di usare i software, internet, l’attrezzatura digitale, la sala riunioni, la libreria e la sala riviste. L’idea alla base del progetto è la creazione di uno spazio dove gli artisti possano incontrarsi, portare avanti i loro studi e organizzare workshop. FIRE STATION RESOURCE CENTRE è un luogo aperto che punta sulla condivisione dei progetti e delle risorse; è anche luogo dove poter leggere riviste specialistiche (Art Monthly, Parkett, Artforum International e Van) e consultare la collezione di libri di arte contemporanea e di critica. La struttura offre cinque workstation PC attrezzate di software utili alla creazione di opere digitali.

Contenuti creativi e forme organizzative

FIRE STATION è il tentativo di coniugare due modelli: uno indirizzato allo sviluppo creativo di un centro culturale aperto alla città e rivolto ad un pubblico internazionale; l’altro indirizzato alla creazione di un centro di integrazione sociale rivolto al quartiere. Uno dei fattori che rende questo progetto interessante è che la combinazione dei due modelli è nata dal basso, ha attraversato momenti di confronto e di scontro, per poi diventare un progetto unitario e complesso, che oggi rappresenta un’importante centro per la città di Dublino.

Nel 1993, l’ex stazione è diventata giuridicamente indipendente dal Arts Council, pur mantenendo la sua funzione centrale di fornire spazi di lavoro per gli artisti, è completamente gestita dal NCCCAP (The North Centre City Community Action Project). Il progetto è stato supportato da finanziamenti pubblici e si sostiene anche attraverso le attività svolte nel centro.

Fonti

www.firestation.ie

www.good-will.it